Chi siamo

La Società Italiana Aviazione Civile è un’istituzione nazionale di diritto privato senza fini di lucro, fondata in Lido di Camaiore il 18 Novembre 2017 da professionisti del settore aeronautico, diplomatici, accademici e cultori di storia dell’industria aeronautica. Il progetto nasce dall’idea di dare l’adeguata risonanza al processo di evoluzione storica, al potenziale diplomatico e alle sfide future dell’industria di trasporto aereo, riunendo esperti e studiosi dell’universo aeronautico, diplomatico ed istituzionale, in un ampio raggio di progetti di alto livello volti all’approfondimento e lo scambio di conoscenze nel settore. La sede legale della Società Italiana Aviazione Civile, dell’Italian Aviation Diplomacy Institute e dell’Archivio Storico Giuseppe Teucci sono ospitati nella Villa Marta Maria in Lido di Camaiore, nella Riviera Versilia.

Villa Marta Maria

Villa Marta MariaLa villa, residenza d’epoca dell’Atlantico Teucci, sorge in Lido di Camaiore, nel cuore della Versilia. Villa Marta Maria fu più volte teatro di operazioni belliche durante la Seconda Guerra Mondiale. Inizialmente occupata dalle truppe tedesche1, venne poi requisita dalle truppe alleate fungendo da nucleo per la 92nd Infantry Division “Buffalo Soldiers” della U.S. Allied Army Italy dal Giugno 1944 all’Aprile 19452.

1 v. Atto di Notorietà della Pretura di Viareggio n. 5083 del 13 Giugno 1953 del Pretore FRANCESCO Scardulla.
2 v. Lettera del Direttore Generale degli Affari Generali del Ministero delle Finanze del 6 Settembre 1955 e Mod. D “Danni di Guerra” dell’Intendenza di Finanza di Lucca n. 3826 del 2 Ottobre 1946.

La Società promuove la sua attività mediante l’organizzazione di convegni, conferenze, tavole rotonde, pubblicazione di analisi storiche e di opere letterarie nel proprio portale istituzionale. I settori di studio spaziano dall’evoluzione dell’industria aeronautica nel corso della storia, ponendo particolare enfasi sul ruolo politico-diplomatico del trasporto aereo come elemento chiave nelle relazioni internazionali, fino al ricordo dell’eroismo dei pionieri dell’aria del nostro Paese. La Società aderisce alla Carta dei Principi per la Ricerca nelle Scienze Sociali e Umane pubblicata dalla Commissione per l’etica della ricerca e la bioetica del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Ogni anno sono più di 8 000 i partecipanti ai numerosi eventi promossi dalla Società, nelle principali città d’Italia e d’Europa, dove invitiamo e riuniamo autorità istituzionali, diplomatici, accademici, dirigenti d’industria e vertici militari.

Mi fa molto piacere il senso della memoria che la Società Italiana Aviazione Civile, ammirevolmente intende conservare della tradizione della Diplomazia e dell’Aeronautica Italiana, in una visione di fiducia e di impegno per il futuro del nostro grande Paese.”

firma-terzi-blackGiulio Terzi di Sant’Agata
Ministro degli Affari Esteri, Repubblica Italiana

L’Italian Aviation Diplomacy Institute, ente interno della Società Italiana Aviazione Civile, ha lo scopo di favorire la conoscenza sugli eventi storici, le problematiche attuali e le sfide future legati all’utilizzo del mezzo aereo come strumento diplomatico in ambito nazionale ed internazionale L’istituto promuove quindi la ricerca sul rapporto tra la politica estera e il mezzo aereo in settori strategici come quello industriale, commerciale e turistico ma anche in settori più delicati come nella Vaccine Diplomacy del COVID-19, delle operazioni di rimpatrio cittadini e in quello umanitario. Un’antica tradizione nata con la nostra industria idrovolantistica, essendo risaputo che il Savoia-Marchetti S.55, protagonista dell’epopea degli Atlantici e antenato dei moderni velivoli civili, contribuì al lancio di Alaska AirlinesAirvia Transportation CompanyMarine Air Transport Co. ed Aeroflot. Questa è indubbiamente l’unica istituzione nel mondo che promuova la ricerca e lo studio sul rapporto tra politica estera e industria aeronautica su scala internazionale.

Società Italiana Aviazione Civile
Membri del Consiglio Direttivo della Società Italiana Aviazione Civile

L’Archivio Storico Giuseppe Teucci viene ufficialmente posto sotto la tutela dell’Italian Aviation Diplomacy Institute il 01.12.2017. L’Archivio Storico Giuseppe Teucci, composto da un ampio patrimonio documentario e iconografico appartenuti all’Addetto Aeronautico a Berlino Teucci, rappresenta una fonte esclusiva per la ricerca nel rapporto diplomazia e potere aereo in contesto italiano ed mitteleuropeo negli anni più controversi del Novecento. L’apertura al pubblico degli studiosi e dei ricercatori dell’Archivio Storico segna il coronamento di un’attività, crescente per dimensioni e qualità dei materiali in possesso, di cui la Società è stato promotore negli ultimi anni. L’impulso dato all’azione editoriale e all’attività di conservazione e ricerca dell’Archivio Storico rientra in una politica autorevolmente sostenuta dalla Società Italiana Aviazione Civile, particolarmente attenta al profilo della comunicazione e valorizzazione di misure volte a far conoscere il patrimonio storico della nostra Aviazione come efficace strumento di diplomazia politica ed industriale.

Gen. S.A. “A” Giuseppe Teucci

GTGiuseppe Teucci nasce a Poppi il 6 dicembre 1900. Pilota del Savoia Marchetti S.55 «I-TEUC» nella crociera del Mediterraneo occidentale (1928) e orientale (1929), nella crociera atlantica Italia–Brasile (1930) e Italia–USA (1933). Nel 1934 è Addetto Aeronautico all’Ambasciata d’Italia a Berlino, accreditato anche in Finlandia e Lituania. Nel 1939 è accreditato anche per Olanda, Danimarca, Norvegia e Svezia, e, nel 1941, assume le funzioni di ufficiale superiore di collegamento fra la Regia Aeronautica e la Luftwaffe. Nel 1947, nominato Generale, comanda la Scuola di Guerra Aerea di Firenze e, nel 1954, la III Regione Aerea. Muore a Lido di Camaiore il 25 gennaio 1963.

Per uno studio più approfondito sulla discendenza storica e genealogica della Famiglia Teucci, e rami ad essa connessi, si invita alla lettura del testo a cura di Stefano Luca Vialetto e Margherita Andreani, ED. 2012.

L’emeroteca, totalmente composta dai rapporti dell’Addetto Aeronautico a Berlino Giuseppe Teucci, vanta un ricco patrimonio documentario particolarmente significativo sui rapporti tecnico-militari con la Luftwaffe, la Suomen Ilmavoimat, la Lietuvos karinės oro pajėgos (1934-1943) e, nel dopoguerra, con gli Stati Uniti sotto il profilo diplomatico e industriale. Completamente inediti, troviamo rapporti segreti e cartografie sull’Operazione Seelöwe e le corrispondenze originali per la liberazione di Nathan Ticho, parente di fede ebraica del Generale americano Julius Klein, da Dachau3. La documentazione, giunta intatta fino ai nostri giorni grazie agli aviatori4 della famiglia Teucci, rappresenta un vero sorvolo sulla diplomazia della nostra Aeronautica dell’intero Novecento. L’emeroteca e i carteggi sono consultabili previo appuntamento con la segreteria, mentre il materiale donato all’Aeronautica Militare sono in esposizione presso il Museo Storico dell’Aeronautica Militare a Vigna di Valle.

3 v. “Una storia poco conosciuta” a cura dell’Ambasciatore d’Italia Maurizio Teucci.
4 v. la biografia del “Cap. Pil. M.A.V.M. Virginio Teucci“, disperso nei cieli di Russia.

Museo Storico Aeronautica Militare

Notte-della-Geografia-museo-1-1280x614​​​Il Museo ha sede nell’Idroscalo di Vigna di Valle, il più antico in Italia, ed  è uno dei più grandi musei del volo esistenti al mondo. Disposto su 4 grandi padiglioni espositivi, il Museo accoglie al suo interno 80 velivoli e una cospicua collezione di cimeli aeronautici che raccontano, in sequenza cronologica, la storia del volo militare e dei suoi eroi protagonisti.

Per maggiori informazioni, Per il regolamento del Museo e le procedure da seguire per la prenotazione di una visita guidata gratuita, si invita a visitare il sito ufficiale del museo storico dell’aeronautica militare.

Il Premio d’Eccellenza Aeronautica “Mario Calderara ha la finalità di identificare e premiare gruppi e singoli che abbiano realizzato elaborati di valorizzazione della cultura aeronautica e che si siano contraddistinti per i risultati ottenuti a livello individuale, di squadra e organizzativi. La Presidenza, con questa iniziativa, intende riconoscere e premiare chi lavora con passione, diffondendo e dando lustro alla cultura aeronautica. Non esistono categorie predefinite per la scelta dei premiati, invitiamo tutti i soci a inviare le loro segnalazioni, successivamente, il Consiglio Direttivo analizzerà le indicazioni ricevute e deciderà coloro che saranno invitati a ricevere questo riconoscimento. Sarà importante premiare chi, lavorando bene, è già in luce ma anche, e soprattutto, le realtà di valore che vanno nascendo in ogni realtà.

Il vessillo rappresenta l’onore e la dignità dei Soci e l’omaggio all’aviazione civile d’Italia

La pubblicazione interna La Centuria Alata, pubblicata semestralmente, nasce dall’esigenza di divulgare il risultato e resoconto delle attività di ricerca effettuate dalla Società Italiana Aviazione Civile ovvero tenere aggiornata la conoscenza sugli sviluppi del settore tra i Soci. Il notiziario viene pubblicato telematicamente e spedito ai Soci tramite posta elettronica personale. La Centuria Alata è una rivista altamente specializzata in tematiche riguardanti l’industria aeronautica dal punto di vista storico, di attualità e di sfide future, spaziando anche nel settore geopolitico, diplomatico e industriale. I collaboratori del nostro editoriale sono prevalentemente professionisti del settore aeronautico, docenti universitari ma anche semplici appassionati del settore aviatorio. La Centuria Alata copre inoltre i maggiori eventi d’interesse aeronautico, nazionali e internazionali, tramite la pubblicazione di approfondimenti ed interviste a personalità dell’universo industriale e istituzionale.

“Auguro a tutti i Soci della Società Italiana Aviazione Civile continuo successo nel loro pregiato lavoro.”

FRMichael O’Leary
Group Chief Executive Officer, Ryanair D.A.C.

I nostri Associati Ordinari e Soci “ad honorem”, sono principalmente personalità italiane e internazionali provenienti dal mondo aeronautico, militare, diplomatico, accademico e culturale. Numerosi tra loro vengono chiamati a far parte della Società Italiana Aviazione Civile dal Consiglio Direttivo, su proposta presidenziale, per la loro fama accademica e/o eccellenza professionale. Fra i più rinomati nomi che compongono la nostra comunità troviamo il Presidente Salvatore Sciacchitano, Presidente dell’ICAO, l’Ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata, Ministro degli Affari Esteri nel governo guidato da Mario Monti, l’Ambasciatore Alessandro Minuto-Rizzo, Segretario Generale della NATO, il Gen. S.A. Stefano Fort, Direttore dell’Istituto Alti Studi per la Difesa, l’On. Umberto Guidoni, Astronauta dell’ESA e molti altri illustri nomi. Tali personalità confluiscono nei comitati designati dalla nostra Società al fine di creare una piattaforma di scambio di idee in base alla loro competenza, contribuendo così ad incrementare il livello dei nostri numerosi eventi.

IMG-20180131-WA0011
Investitura del Ministro Giulio Terzi di Sant’Agata quale Socio “ad honorem”

I contenuti presenti sul sito http://www.aviazionenazionale.com dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dalla Società Italiana Aviazione Civile.

comp

Copyright Società Italiana Aviazione Civile © 2021 – Tutti i diritti riservati – All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close